Le criptovalute sono di natura virtuale al 100%, quindi perché qualcuno avrebbe bisogno di un portafoglio di criptovaluta? Tale domanda potrebbe essere posta da qualcuno che non ha familiarità con l’argomento. Non puoi mettere un Bitcoin in una borsa di pelle, ma proprio come i file richiedono un supporto di memorizzazione, anche le valute digitali non si librano nel vuoto: devono essere registrate da qualche parte.

Portafoglio criptovaluta – che cos’è?

Le criptovalute come bitcoin (BTC) o ether (ETH) non sono solo sospese nel vuoto: queste sono di fatto informazioni memorizzate su dischi rigidi o altri dispositivi che consentono di memorizzarli. Il che rende ovvio che un portafoglio di criptovaluta ha poco a che fare con il tipo di portafogli che possiamo acquistare in una boutique di lusso. Cosa significa questo termine, allora?
Questo termine metaforico ed elegante si riferisce a:

  • dispositivi speciali che ricordano nel loro aspetto di pendrive,
  • conti di un genere nei servizi online,
  • spazi designati su un disco rigido.

Gli strumenti sopra elencati hanno tutti la stessa funzione: consentono di memorizzare risorse digitali. Ma non è lì che finisce il loro ruolo. Un portafoglio di criptovaluta è anche un’interfaccia di un tipo che consente di effettuare transazioni con altri utenti di una particolare valuta. Se le statistiche devono essere attendibili, la stragrande maggioranza degli utenti di Internet utilizza i portafogli online: sono la soluzione più semplice e meno impegnativa. Un portafoglio di questo tipo di solito non costa nulla.

Bisogna ammettere, tuttavia, che non viene fornito con misure di sicurezza avanzate che possono essere trovate nei portafogli di criptovaluta hardware di Ledger o Trezor. È tale spesa davvero necessaria, però, al fine di ottenere un buon, portafoglio criptovaluta poco costoso? Forse ci sono alcune offerte più economiche?

Dove non conservare le criptovalute? Portafogli caldi e portafogli freddi

La classificazione più generale consiste in due tipi di portafogli criptovaluta: caldo e freddo. Quelli caldi sono quelli che sono collegati al web 24/7. Quelli freddi operano offline. Dal punto di vista della sicurezza, la scelta più corretta sarà un portafoglio freddo: la connessione a Internet rappresenta una minaccia legata al potenziale furto della chiave privata. Sebbene violazioni di questo tipo siano piuttosto rare, agli utenti in possesso di ingenti somme si consiglia comunque di utilizzare i cold wallet (specialmente quelli hardware).

I portafogli caldi sono facili da configurare e i fondi raccolti su di essi sono accessibili da ogni dispositivo connesso a Internet. Questo è esattamente il motivo per cui così tante persone scelgono di aprire un portafoglio caldo: offre la massima comodità. È possibile utilizzare i fondi indipendentemente dal fatto che si sta lavorando su un computer portatile o avere uno smartphone o un tablet in mano. In tal caso, tuttavia, la convenienza non va di pari passo con un elevato livello di sicurezza.

Portafogli caldi

I portafogli caldi possono essere suddivisi in:

  • portafogli software (app),
  • portafogli browser,
  • portafogli desktop.

Di seguito caratterizzeremo tutte quelle categorie.

Un portafoglio browser (online)

Un browser wallet è il tipo più semplice e comodo da usare. È una specie di account in un servizio online. Tutto quello che devi fare è digitare l’indirizzo giusto e accedere a un sito Web per accedere ai tuoi fondi. Puoi farlo usando uno smartphone, un PC o un tablet: è la stessa cosa.

Un portafoglio di criptovaluta basato su browser consente di accedere a una rete blockchain utilizzando qualsiasi browser web. Non è necessario scaricare nulla da Internet, non è necessario installare alcun software. Servizi di questo tipo sono di solito forniti da aziende che hanno il loro interesse nello sviluppo di un particolare criptovaluta. Si potrebbe discutere se i conti di trading che consentono anche di archiviare denaro digitale siano portafogli.

Dal punto di vista delle funzionalità disponibili sono certamente, ma d’altra parte è risaputo che non si memorizzano grandi somme di denaro in un conto di trading. Gli scambi sono in misura maggiore vulnerabili agli attacchi degli hacker, per non parlare del fatto che a volte vanno in bancarotta. Che sarebbe quindi più sensato aprire un portafoglio in qualsiasi sito web che offre un servizio di questo tipo piuttosto che mantenere i propri beni su uno scambio.

Un portafoglio mobile (un’app)

Un portafoglio di criptovaluta mobile funziona in modo simile ad altri tipi di portafogli caldi-richiede anche una connessione Internet. Ma mentre i browser wallet sono mirati agli utenti di diversi tipi di dispositivi, non solo quelli mobili, le app di cui stiamo parlando operano solo negli ambienti Android o iOS. Sono comodi da usare, hanno un’interfaccia molto semplice e consentono anche di effettuare transazioni, ad esempio utilizzando i codici QR.

Un portafoglio mobile si dimostra utile nelle situazioni quotidiane quando vogliamo pagare qualcosa o reagire rapidamente a un tasso di cambio fluttuante. Se le criptovalute diventano comuni e vengono riconosciute come un corso legale legittimo (in alcuni paesi questo è già avvenuto), i portafogli mobili saranno probabilmente la soluzione più popolare tra cui scegliere. Un esempio di tale portafoglio è il portafoglio di fiducia raccomandato dagli esperti.

Un portafoglio desktop

Un portafoglio di criptovaluta desktop è un software che deve essere scaricato da Internet e installato sul computer. Dà un controllo maggiore sulle chiavi private (abbiamo già spiegato quali sono le chiavi private in diversi articoli) e sui fondi assegnati a loro. Al momento dell’installazione, un file denominato “portafoglio.dat ” può essere trovato sul desktop, contiene informazioni sulla chiave privata che l’accesso ai fondi è impossibile senza. Deve essere crittografato il prima possibile, ad esempio con una password di accesso. In tal caso, la password dovrà essere inserita ogni volta dopo aver aperto il file.
D’ora in poi il ” portafoglio.dat ” file sarà il vostro portafoglio. Se lo elimini o dimentichi la password, non sarai in grado di utilizzare il tuo denaro digitale.

Ecco perché è necessario creare una copia di backup e memorizzarla in un luogo sicuro, come su una pendrive. Annota anche la chiave privata su un pezzo di carta. In questo modo si sarà in grado di utilizzare i fondi in caso di malfunzionamento del computer o altri eventi casuali che vi farà in grado di aprire il file.
Un portafoglio di criptovaluta desktop offre un livello di sicurezza più elevato rispetto alle versioni del browser, ma è ancora molto indietro rispetto ai portafogli hardware.

portafoglio criptovalute

Un portafoglio hardware (freddo)

Un portafoglio hardware è un dispositivo fisico (piccolo, ma ancora) che viene utilizzato solo per memorizzare criptovalute (chiavi private, per l’esattezza). Ha un proprio sistema operativo e misure di sicurezza dedicate per proteggere i fondi e le chiavi private da accessi non autorizzati.
È sicuramente la “cache” più sicura per le tue monete, indipendentemente dalla valuta che possiedi: ethereum, ripple o BTC. Un dispositivo di questo tipo è collegato al PC o al telefono tramite un cavo USB. I portafogli hardware garantiscono il massimo livello di sicurezza tra tutti i portafogli descritti qui. Sono altamente immuni da virus e minacce di tipo malware.

Il mercato dei portafogli hardware ha due produttori leader: Ledger e Trazor. I portafogli di questi marchi sono caratterizzati da un’alta qualità di lavorazione, hanno un sistema di sicurezza complicato ed efficace e ogni transazione effettuata utilizzando richiede l’autorizzazione. La cosa che autorizza i trasferimenti di fondi è un numero PIN pre-generato e ovviamente la chiave privata.
Ciò rende il rischio di perdere i fondi, come a causa del disco rigido infettato da virus, ridotto al minimo. Ma ricorda che alcuni virus scambiano l’indirizzo del portafoglio quando effettuano una transazione! Assicurati sempre che tutti quei dati siano corretti prima di fare clic sul pulsante “OK”.

E se perdo il portafoglio? Significa che la chiave è persa?

In alcuni casi, un codice speciale generato dopo aver avviato il portafoglio per la prima volta risulta utile. Potrebbe accadere, ad esempio, che tu perda il dispositivo o che qualcuno te lo rubi. Utilizzando il codice, è possibile recuperare i fondi. Ecco perché dovrebbe essere scritto su un pezzo di carta (o qualsiasi altro tipo di archiviazione), per essere utilizzato quando necessario. Questo è l’unico modo per riottenere l’accesso al portafoglio. Pertanto, perdere il dispositivo per sempre non significa sempre perdere i soldi.

Un portafoglio BTC: quale modello scegliere?

I portafogli di criptovaluta sono abbondanti sul mercato-troverai sicuramente un modello che da un lato soddisferà le tue esigenze e dall’altro non metterà troppo a dura prova il tuo budget. I migliori dispositivi disponibili a prezzi ragionevoli includono tali modelli, tra gli altri, come Ledger Nano S o Trezor One. Quando si tratta di sicurezza dei dati, non sono all’altezza dell’ultima invenzione di Ledger (stiamo parlando del modello Ledger Nano X per gli utenti più esigenti).

Sono, tuttavia, sicuramente mille volte più sicuri dei normali portafogli online. Per non parlare che costano la metà. Sia Ledger Nano S che Trezor One sono caratterizzati da un’alta qualità di lavorazione, hanno anche misure di sicurezza utilizzate da istituzioni governative e banche. In cima a quello, Trezor è stato dotato di alcune funzioni utili, come un gestore di password per esempio.

Ledger Nano S – perché vale la pena avere?

È il primo portafoglio hardware ad essere lanciato sul mercato dalla società francese Ledger. Ledger Nano S è diventato disponibile per la vendita entro la fine del 2014, che è leggermente più tardi di Trezor One. Nel corso del tempo, il prodotto ha iniziato a guadagnare popolarità tra gli investitori che commerciano criptovalute. Soprattutto coloro che investono in bitcoin hanno iniziato ad acquistare portafogli di criptovaluta hardware in massa – il portafoglio Nano S ha goduto di ottime recensioni.

Il dispositivo è compatibile con valute come bitcoin (BTC), ethereum (ETH), litecoin (LTC), bitcoin cash (BCH) o ZCash (sono tutti basati sulla tecnologia blockchain). Ha una porta USB, funziona offline ed è facile da usare – l’avvio dei trasferimenti su di esso non causa alcun problema. Non è necessario utilizzare alcuna applicazione, ecc. Quando si memorizza la chiave privata in un portafoglio hardware di questo tipo, si può essere sicuri della sicurezza dei dati.

Attualmente Ledger Nano S costa circa 52 euro (aggiungere IVA a quella). Non è un prezzo molto alto, tenendo conto del marchio e della qualità del prodotto. La memoria di tale portafoglio consente di memorizzare quantità illimitate di criptovalute. Il portafoglio Ledger Nano S è una soluzione per coloro che non vogliono spendere troppi soldi per un buon portafoglio crittografico. Finora, la società Ledger ha venduto più di 140 mila unità di questo modello.

Trezor One-un bitcoin “cache”

Quando nel 2013 Trezor One è diventato disponibile in vendita, ha costituito una vera novità. Si è scoperto che le criptovalute possono essere memorizzate su un pratico dispositivo fisico che ricorda in apparenza una normale pendrive. Ogni nuovo portafoglio di questo tipo in una certa misura richiama la tradizione iniziata da Trezor. La sua creazione è dovuta alla società ceca SatoshiLabs, che ha notato una nicchia sul mercato e ha deciso di entrare nel mondo criptato con il botto.

Trezor One è una combinazione esemplare di un “hot wallet” e un “cold storage wallet”: memorizza le risorse in modalità offline, ma allo stesso tempo consente di connettersi a Internet quando necessario ed effettuare transazioni. Può essere utilizzato per memorizzare più di 700 diverse criptovalute! È compatibile con sistemi come Bitcoin, Ethereum, Litecoin o DASH, tra gli altri.

Il codice sorgente che compone il software Trezora è accessibile al pubblico grazie alla licenza open source. In cima a quello, il dispositivo viene fornito con un gestore di password, che permette di memorizzare i dati di registrazione per diverse applicazioni, siti web o servizi in un unico luogo. Sia Trezor One che la sua versione successiva, leggermente più costosa-Trezor T-consentono l’accesso sicuro a servizi come Google, Github o Twitter.

Il dispositivo può essere collegato al computer tramite un cavo USB. Gestire le criptovalute non è mai stato così facile.

CONCLUSIONE

Sopra abbiamo descritto tutte le categorie disponibili di portafogli di criptovaluta, a partire dalle app mobili, dai portafogli browser e desktop e fino ai portafogli hardware.
Se non hai ancora un account su uno scambio, stai appena iniziando il tuo viaggio con le criptovalute e non stai pianificando investimenti importanti, puoi utilizzare i portafogli gratuiti online.
Per quelli più esperti che operano con somme significative, una soluzione migliore sarà un portafoglio di criptovaluta hardware. In realtà non deve essere un nuovo prodotto – i modelli di anni fa funzioneranno anche molto bene.
Attualmente uno dei migliori modelli sul mercato è Ledger Nano X. Non molte persone possono permettersi di acquistare questa bellezza – le offerte competitive sono molto più economiche. Quelli meno abbienti possono sempre acquistare una versione precedente di Ledger o Trezor.
Ti è piaciuto l’articolo? Aggiungi il nostro sito web ai tuoi preferiti.


Read more

Un consiglio di Come Iniziare Con Le Criptovalute. Alcuni consigli per iniziare
Come e Dove Comprare Criptovalute in modo sicuro?
Trading Criptovalute - come funziona?
I Migliori Criptovalute sul mercato. Quali sono quelli principali, e perché?